Tutti gli articoli di energiafelice

Il clima della democrazia

Si è svolta ieri al Centro Congressi Ex Eridania, nel Parco Falcone-Borsellino, la prima giornata del convegno internazionale “Il clima della democrazia”. Oltre 40 relatori internazionali, più di 100 partecipanti, 180 studenti delle scuole superiori di Parma coinvolti; un successo a livello partecipativo che ha portato Parma al centro del dibattito sulla decrescita, la sostenibilità e la giustizia socioambientale (guarda le foto della prima giornata del convegno).

Leggi testo completo

Giornata Internazionale della Nonviolenza del 2 ottobre

A Milano,in occasione della Giornata Internazionale della Nonviolenza del 2 ottobre ha visto coinvolte associazioni e ragazzi durante il pomeriggio, con una performance teatrale per le vie di Milano e il gioco del “Risiko al contrario”, tramite il quale si è potuto sperimentare la possibilità di liberare la città dai luoghi simbolo della violenza, trasmettendo i valori di una cultura di pace, tolleranza, comprensione e nonviolenza.
Durante la serata l’ASS. Mondo Senza Guerre e Senza Violenza ha presentato il libro e il video della “Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza”, iniziata il 2 ottobre 2009 dalla Nuova Zelanda, con le testimonianze personali dei milanesi che hanno fatto parte dell’equipe base. A seguire, con la collaborazione di Jack Jaselli and the Great Vibes Foundation, si è riproposto di cantare assieme “Imagine” di John Lennon, come lo splendido karaoke di un anno fa in piazza Duomo. Durante tutta la giornata si sono raccolte le firme per la legge d’iniziativa popolare “SI’ ALL’ENERGIA RINNOVABILE, NO AL NUCLEARE”.

Leggi testo completo

In diretta dal Convegno di Parma “Il clima della democrazia Decrescita, Sostenibilità, Giustizia Socio-Ambientale”

Prospettive politiche sulla crisi ecologica, economica e di civiltà

Segui gli aggiornamenti in diretta sulla pagina dedicata di Facebook

Inquinamento atmosferico, riscaldamento globale, scioglimento dei ghiacci e innalzamento dei mari, crisi idrica e desertificazione, perdita di biodiversità, esodi ambientali, picco del petrolio e dei minerali, crisi energetica, crisi alimentare, smaltimento dei rifiuti tossici, sprawl urbano. Difficile elencare uno per uno tutti i problemi e le sfide ambientali che oggi si profilano davanti a noi.
La civiltà moderna che credeva – grazie alla scienza, alla tecnologia e ad un’enorme performance produttiva – di rendersi sempre più indipendente dalla natura, riscopre infine nella maniera più drammatica la propria inestirpabile dipendenza dall’ambiente. Il sogno della vittoria sulla natura si è trasformato nell’incubo di riscoprirsi vittime di processi ingovernabili e potenzialmente catastrofici.
Da un altro punto di vista abbiamo conflitti per le risorse, rivolte per il cibo, movimenti contro la privatizzazione dei beni comuni, per la difesa dei saperi indigeni, delle culture locali, dei territori e delle foreste, lotte per la giustizia ambientale, climatica, energetica, per la sovranità alimentare, opposizione alle grandi opere, rivendicazione dei diritti dei migranti, reti di consumo critico e solidale, movimenti per la decrescita, gruppi che promuovo l’autoproduzione o il riciclo, interi pezzi di società che si autorganizzano per sperimentare nuovi stili di vita più equi e sostenibili.
Insomma il modello di benessere fondato sulla crescita e sullo sviluppo si trova a fare i conti con limiti ambientali, sociali, politici e culturali. La crisi economica si intreccia con quella ecologica ed entrambe con quella politica fino a comporre insieme quella che è stata chiamata una “crisi di civilizzazione”. Eppure di fronte a tutto questo non solo i decisori globali e locali ma anche la riflessione politica sembrano essere in grave ritardo. La tradizione democratica ha semplicemente dato per scontato
una natura generosa, un progresso e una crescita infinita. Istituzioni, valori, tempi e processi politici hanno incorporato questa visione del mondo e questa è probabilmente una delle ragioni per cui la democrazia non sembra all’altezza dei problemi del nostro tempo. Occorre dunque ripensare le sfide del nostro tempo – decrescita, sostenibilità e giustizia socioambientale – insieme ai soggetti e alle istituzioni che le devono affrontare, con il coraggio di discutere i limiti, i lati oscuri e le opportunità di
trasformazione della tradizione democratica.
Il convegno si inserisce nell’ambito di “Kuminda – Il diritto al cibo. Festival del cibo equo e sostenibile” e si propone di riprendere e sviluppare le tematiche emerse nel convegno di Parma dell’ottobre 2009 “Crisi economica, crisi ecologica, crisi alimentare Passaggi di civiltà…” e nella Second conference on Economic Degrowth. For ecological Sustainability an Social Equity svoltasi presso l’Università di Barcellona nel marzo 2010.

Leggi testo completo

Prospettive

Nella sezione Materiali, sono stati inseriti nuovi documenti tra cui segnaliamo quello curato da Sergio Zabot e Carlo Monguzzi che fa il punto della situazione e analizza il Piano di Azione per le Energie Rinnovabili presentato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Uno scenario elettrico per il 2020

Leggi testo completo