Tutti gli articoli di energiafelice

Nucleare in Lombardia: grazie, Formigoni! Grazie, Lega!

Da consigliere regionale tastavo il polso della coalizione Formigoni-Lega ad ogni passaggio che riguardasse la localizzazione di nuove centrali in Lombardia. Gli ineffabili titolari del governo lombardo assicuravano che non avrebbero mai consentito un reattore in “Padania”: al massimo, se il governo l’avesse richiesto, ne avrebbero appoggiata la costruzione, ma “lontano dal Po”. Non perché credessero alla sacralità del fiume, ma perché, più prosaicamente, nessuno vorrebbe avere a che fare vicino a casa con possibili incidenti catastrofici, rilasci radioattivi nascosti, piani di evacuazione, scorie micidiali e ineliminabili per 100.000 anni e, soprattutto, dirlo ai propri elettori. Leggi testo completo

Centrali nucleari in Lombardia? Reazioni

Il neoministro allo Sviluppo Romani giudica molto probabile la costruzione in Lombardia di “almeno” una delle centrali nucleari previste. Riferisce poi che per convincere le popolazioni ad accettare l’atomo in casa si farà ricorso al “metodo francese”: offrire incentivi ai Comuni che si candidano ad ospitare gli impianti. Leggi testo completo

Nucleare e democrazia (video)

Intervista realizzata da Massimo Bonfatti di “Mondo in cammino” al Prof. Yuri Bandazhevsky in collaborazione con: Ecoistituto della Valle del Ticino – Cuggiono www.ecoistitutoticino.org

PRIMA PARTE

SECONDA PARTE

Il clima della democrazia (video)

Parma 7-8 ottobre 2010

Oltre 40 relatori internazionali, più di 100 partecipanti, 180 studenti delle scuole superiori di Parma coinvolti; un successo a livello partecipativo che ha portato Parma al centro del dibattito sulla decrescita, la sostenibilità e la giustizia socioambientale.

Leggi testo completo

A qualcuno piace caldo

Mentre il pianeta continua a surriscaldarsi, l’Italia si avvia a fare l’ennesima brutta figura in materia di politiche climatiche. Nelle ultime dichiarazioni di Corrado Clini, Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente, l’Italia sembra avviata a “tirare il freno” all’azione europea volta a ridurre le emissioni che surriscaldano il pianeta. In discussione c’è l’aumento delle riduzioni dei gas serra, dal 20% al 30% entro il 2030. L’aumento dell’impegno europeo al 30% ha almeno tre motivi. Leggi testo completo