Quali alternative al nucleare in Italia?

Presentazione del libro “L’Energia felice” in occasione del 25esimo anniversario del disastro alla centrale nucleare di Chernobyl

ERBA (CO) – Anche ad Erba si discuterà del nucleare, argomento divenuto di attualità a seguito dei gravissimi fatti che hanno interessato il Giappone. Del tema se ne discuterà sabato 16 aprile presso la Biblioteca, nel corso dell’iniziativa dal titolo “Quali alternative al nucleare in Italia?”, che coincide col 25esimo anniversario del disastro di Chernobyl e ad un mese dall’incidente nucleare presso la centrale giapponese di Fukushima. L’incontro è organizzato dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Erba e col patrocinio del Comune di Erba.

A distanza di 25 anni dai fatti, avvenuti il 26 aprile 1986 a Chernobyl al confine tra Ucraina e Bielorussia, ancora si contano i danni derivanti dallo scoppio del reattore nucleare. Oggi l’Italia è dibattuta tra il rischio del ritorno al nucleare e il referendum contro, con l’alternativa delle energie pulite, rinnovabili e autoprodotte. L’incontro si terrà sabato 16 aprile alle ore 16 presso la nuova Biblioteca di Erba in via Joriati n. 6, e servirà quindi per ricordare quanto avvenuto nel 1986, per dibattere su quanto successo in Giappone e per conoscere le alternative al nucleare,

L’appuntamento di Erba è organizzato in collaborazione con il Coordinamento lombardo “Energia Felice”, associazione che si occupa di fonti energetiche pulite e che sta promuovendo il voto al referendum contro il ritorno al nucleare in Italia.

All’incontro interverrà Roberto Meregalli, che presenterà il libro “L’Energia Felice” (ed. Socialmente). Meregalli è tra i garanti dell’associazione “Beati i costruttori di pace”. Collabora a Tradewatch. Ha scritto alcuni libri tra cui: “Non è vero – I dogmi del neoliberismo alla prova dei fatti”; “Questo mondo non è in vendita – Come opporsi alle strategie del supermercato mondiale”; ha collaborato con il fisico Mario Agostinelli alla stesura del libro “L’Energia Felice”.

Durante l’incontro verranno proiettati alcuni brevi servizi filmati sul disastro di Chernobyl e sui pericoli derivanti dalle centrali nucleari.

Altre informazioni sull’iniziativa si possono trovare sul sito www.circoloambiente.org

In collaborazione tra Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” e la Biblioteca Comunale di Erba

SCARICA IL VOLANTINO (pdf, 770 Kb)

2 pensieri su “Quali alternative al nucleare in Italia?”

  1. ……………Produrre energia solare oggi e piu economico del nucleare. Domani i ciclisti critici pedaleranno fino alla centrale nucleare di Borgo Sabotino per diffondere i referendum del 12-13 giugno. Domani i ciclisti critici pedaleranno fino alla centrale nucleare di Borgo Sabotino per diffondere i referendum del 12-13 giugno.

    1. Ogni m2 di pannello solare genera 150W da un Km2 si ricavano 150.000 Kw.
      L’Italia ha una suerficie di 301.000 kmq se fosse tutta pannelli solari fornirebbe 45 miliardi di Kw ma il fabbisogno nazionale é di 320 miliardi di kW
      Sveglia! coi numeri non si scherza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *