Le fine dei dinosauri dell’elettricità

La Fine dei dinosauri dell’elettricità (le utilities)

By Geert De Clercq – tradotto da Mario Agostinelli

PARIS | Fri Mar 8, 2013 4:13am EST

(Reuters) – Ogni nuovo pannello solare installato come un chip sui tetti europei toglie peso al modello di produzione centralizzata di energia. Le corporation e le municipalizzate, a meno che non si reinventano presto, sono giganti che rischiano di diventare i dinosauri del mercato dell’energia.

L’industria deve affrontare il cambiamento drastico dovuto all’energia rinnovabile che trasforma i consumatori in produttori e mina il predominio delle utilities. Con le loro scorte ai minimi del decennio e una macina da mulino del debito intorno al collo, le utilities in Europa hanno poco margine di sopravvivenza.

In Germania, dove il 22 per cento della sua elettricità proviene da fonti rinnovabili nel 2012, le quattro grandi utilities – E.ON, RWE, EnBW e Vattenfall Europe – sono quasi assenti in questo nuovo settore.

Dei 71 gigawatt di capacità di energia rinnovabile installata alla fine del 2011, le quattro utilities hanno proprietà solo il 7 per cento, come  mostrano i dati del ministero dell’ambiente. Un gigawatt corrisponde all’incirca alla capacità di un impianto nucleare.

Gli individui possiedono il 40 per cento della capacità rinnovabile, operatori di nicchia dell’energia il 14 per cento, 11 per cento gli agricoltori, varie aziende industriali ad alta intensità energetica il 9 per cento, le società finanziarie l’11 per cento. Piccole società di servizi regionali e utilities internazionali possiedono l’altro 7 per cento.

Nel settore dell’energia solare le quattro grandi sono ancora più marginali, avendo ceduto il 97 per cento a investitori non appartenenti al settore energetico.

Richter, che ha intervistato 20 manager delle utilities tedesche circa l’impatto delle rinnovabili sulle loro imprese, ha detto che per anni non hanno riconosciuto il potenziale di energia solare ed eolica.

Nella sola Baviera, 200.000 dei 2,3 milioni di utenti di energia elettrica hanno i propri pannelli solari, trasformando l’8,5 per cento dei consumatori di energia elettrica in produttori indipendenti.

In Italia e in Spagna, dove il solare contribuisce a circa il 3 per cento della potenza totale, la situazione è simile a quello tedesco.

In paesi come la Francia e il Regno Unito, con il solare a soli 0,4 e 0,1 per cento della produzione, la produzione centralizzata regna ancora sovrana, ma la produzione decentrata da parte delle società e dei comuni – con biomassa e mulini a vento – sta mangiando quote di mercato alle utilities ‘.

“L’EROSIONE DEL MODELLO DI BUSINESS”

Peter Terium, CEO di RWE, riconosce che il passaggio da grandi centrali elettriche convenzionali verso impianti decentrati e le energie rinnovabili è un cambiamento fondamentale che sta danneggiando la sostenibilità economica del parco centrali di RWE.

“Dobbiamo adattarci al fatto che, nel lungo periodo, guadagnando la capacità di generazione di energia elettrica da rinnovabili , le centrali convenzionali saranno nettamente al di sotto di quello che abbiamo visto in questi ultimi anni”, aggiungendo che questo ha messo i ceppi sul modello di business di RWE.

L’onda delle rinnovabili non poteva arrivare in un momento peggiore per le utilities.

La liberalizzazione dei mercati europei dell’energia ha scatenato una competizione per il consolidamento tra le utilities, lasciando il continente con circa una dozzina di grandi ma altamente indebitati colossi.

Peggio ancora, la domanda di energia elettrica, già colpito dalla promozione dell’efficienza energetica, si è ridotto in quanto la crisi della zona euro è cominciata.

Di conseguenza, le azioni delle utilities sono state le peggiori tra i 19 principali settori di attività dall’inizio del 2008.

L’ Index Euro per le utilities elettriche, partendo dal 1 gennaio 2008 a livello calcolato su base 100, scambia ora a 46, rispetto all’indice ad 81 per l’intera industria. L’ indice di utilità per la sola zona euro è a 35 e ha perso € 312.000.000.000 (407 miliardi dollari) in capitalizzazione di mercato.

“UNA VERA RIVOLUZIONE”

Gerard Mestrallet, amministratore delegato della francese utilitY del gas GDF Suez, ha detto che 10 anni fa il mondo energetico europeo era una sovrapposizione di monopoli regionali. “Quei giorni sono finiti per sempre”, ha detto ai giornalisti in questo mese.

“Alcuni consumatori sono diventati produttori, ma è una vera e propria rivoluzione,” ha detto.

GDF Suez sta adattando la sua strategia a questo nuovo mondo, per intraprendere tre nuove linee di business, che sono state giudicate dai programmi di altre utilities in Europa, di successo opinabile.

La prima è quella di ricercare la crescita nei mercati emergenti energivori, dove il modello di produzione centralizzata in impianti termici funziona ancora – il 40 per cento della capacità di generazione di 116 gigawatt di GDF Suez è ora in mercati in forte crescita.

In secondo luogo, ha istituito una divisione per aiutare i clienti istituzionali ad utilizzare l’energia in modo più efficiente. L’unità, con più di un terzo dei 220.000 dipendenti di GDF Suez, gestisce sistemi di riscaldamento e raffreddamento, anche nei grattacieli ed ha come punto di riferimento il Burj Khalifa di Dubai.

“La nostra filosofia è quella di abbracciare l’efficienza energetica e le energie rinnovabili e, più radicalmente, di essere semplici partner di energia per i nostri clienti”, ha affermato Mestrallet.

In terzo luogo, come quasi tutti i suoi coetanei, si sta costruendo un proprio business delle rinnovabili. Le fonti rinnovabili rappresentano solo circa il 3 per cento della sua capacità di generazione, rispetto a oltre il 30 per cento per Iberdrola della Spagna. Molti programmi delle utilities hanno istituito unità di fonti rinnovabili, e alcuni hanno dato nomi e autonomia nuovi, come l’Italia di Enel Green Power.

In definitiva, le utility potrebbero diventare aggregatori di energia elettrica, nello stesso modo di come Google aggrega contenuti, con la differenza che i regolatori richiedono che il la potenza continui a scorrere e le luci a rimanere accese. Diversi paesi, tra cui Francia, Spagna e Regno Unito, stanno preparando una normativa per l’istituzione di meccanismi di storage, in base al quale le utilities potrebbero essere pagate per mantenere la capacità in standby.

“In un sistema elettrico futuro, la società della rete elettrica potrebbe essere essenzialmente una compagnia di assicurazione, che copre la mancanza di sole quando si ha bisogno di potenza”, ha detto l’economista dell’Agenzia internazionale per l’energia Laszlo Varrone.

Nel frattempo, i servizi – come le municipalizzate – non hanno ancora capito come coinvolgere i cittadini che si alimentano di sole in Europa, che Varrone dice in numero di un milione almeno, soprattutto in Germania e in Italia.

le utility potrebbero trarre grandi benefici se non trattano i tetti solari come la concorrenza per i loro impianti termici centralizzati, ma come un gateway in questo nuovo mercato.

Le Utility potrebbero vendere i pannelli solari, il finanziamento e la connessione alla rete, e costruire un rapporto di servizio per generare un flusso di entrate.

Ma mentre si fa un gran parlare di questo modello, gli esempi di applicazione sono pochi e lontani tra loro. Negli Stati Uniti, Austin Energy e PSEG del New Jersey hanno sperimentato l’aiuto ai clienti per gestire i pannelli solari su piccola scala.

“E ‘troppo ottimistico pensare che i programmi delle utility in grado di compensare il consumo ridotto di elettricità e aumentato di micro-generazione rinnovabile si concentri semplicemente sulla creazione di valore per i clienti nella gestione di tale diminuzione”, ha detto analista Guillaume Regdwell di Liberum Capitale.

Lo scenario più probabile è che il valore perduto dalle utility sarà catturato da giocatori al di fuori del modello utility, che vendono prodotti che consentono più autarchia energetica.

VINCITORI nel gioco di potere

Se le utility sono i perdenti in questo gioco, i vincitori sono i produttori di pannello solare e mulino a vento, le centinaia di piccole imprese che installano sistemi solari, e le migliaia di consumatori che hanno trasformato i loro tetti in impianti di mini-potenza.

Altri vincitori sono le aziende nel settore dell’efficienza energetica: le aziende di materiali da costruzione come Saint Gobain che vendono i doppi vetri, le aziende chimiche come Recticel che vendono l’isolamento, e i produttori di sistemi di riscaldamento di proprietà privata quali Vaillant e Viessmann, che vendono le pompe di calore e le attrezzature di salvataggio dei sistemi di energia solare.

Per illustrare il passaggio di scettro di utility, una volta potente, GDF Suez questo mese ha perso il suo posto nelle blue-chip in base all’indice Stoxx Europe 50, cedendolo a Schneider Electric, specialista in sistemi di gestione dell’energia e di reti intelligenti.

Anche i fan delle rinnovabili convengono che la generazione centralizzata non scomparirà, dato che l’energia rinnovabile avrà bisogno del back-up delle centrali elettriche tradizionali.

Più a lungo le fonti rinnovabili sono sovvenzionate, ha detto Redgwell, permettendo loro di ottenere la massa critica, più diventano economiche e maggiore è la possibilità che il loro prezzo rivaleggi con i prezzi al dettaglio, con la classica minaccia di sostituzione.

“A lungo termine, la effettiva concorrenza delle energie rinnovabili non sovvenzionate potrebbe essere una grande vittoria per la società. Ed una grande perdita per i le utility dei servizi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *