esito della nona Conferenza di riesame del NPT

Nessun documento finale è l’esito della revisione del NPT a New York

a cura di Alfonso Navarra

Dal sito ufficiale dell’ONU riportiamo l’esito della nona Conferenza di riesame del NPT (New York, 27 aprile -22 maggio 2015) nel comunicato dell’ufficio stampa istituzionale.

Breve premessa. Il non consenso su un documento finale, sorprendentemente dal punto di vista di chi scrive (ma credo anche da parte di chi ci ha inviato le testimonianze pacifiste dal Palazzo di Vetro), è avvenuto a causa del disaccordo fra i paesi partecipanti sulla creazione di una zona libera dal nucleare in Medio Oriente. La bozza di risoluzione proposta dall’Egitto che prevede la convocazione, da parte del segretario generale delle nazioni Unite Ban ki-moon, di una conferenza per avviare la denuclearizzazione del Medio Oriente entro il primo marzo del 2016, una misura contro cui si oppone Israele, l’unico paese della regione con armi nucleari (e che non ha firmato il trattato di non proliferazione), è stata respinta da Canada, Stati Uniti e Gran Bretagna.

«Il linguaggio relativo alla organizzazione della conferenza è incompatibile con le nostre politiche di lunga data», ha affermato un esponente del governo americano mentre grande disappunto, per la mancata approvazione della risoluzione, è stato espresso da un delegato dell’Iran, a nome del movimento dei paesi non allineati. (Ses/AdnKronos)

Una novità importante emersa nel corso dei lavori è l’ampia adesione ottenuta dall’Impegno Umanitario proposto dall’Austria e sottoscritto da 100 Paesi: la speranza dell’ICAN è che esso sia utilizzato come base per un nuovo processo per lo sviluppo di uno strumento giuridicamente vincolante che vieti le armi nucleari.

Ma un altro percorso con lo stesso obiettivo che potrebbe essere sperimentato in modo parallelo e convergente è quello, su cui insiste Cuba, che parte da una risoluzione ONU, la 6/32 adottata dall’Assemblea generale il 26 settembre 2013: propone l’avvio urgente di negoziati in seno alla Conferenza sul Disarmo per la precoce conclusione di una convenzione globale sulle armi nucleari e decide di convocare entro il 2018 una conferenza internazionale ad alto livello sul disarmo nucleare che esamini i progressi compiuti in questo senso.

La strada della convenzione potrebbe essere facilitata dall’universalizzazione del Trattato per la zona libera dal nucleare dell’America Latina: non è da trascurare la capacità attrattiva per altri Stati di 33 Paesi che sono già d’accordo nel proibire le armi nucleari sul loro territorio ed hanno messo su una organizzazione già funzionante da anni per il rispetto del divieto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.