Proposta per il dopo la vittoria referendaria

NOTA della Presidenza dell’Associazione Sì alle energie rinnovabili No al nucleare

La presidenza dell’Associazione Sì alle energie rinnovabili No al nucleare ritiene necessario procedere, dopo il risultato formidabile del referendum abrogativo del nucleare, ad iniziative che diano continuità al lavoro svolto, tra queste c’è la proposta di costituire un Centro Studi in grado di contribuire all’elaborazione di proposte con l’obiettivo di contribuire alla costruzione di un vero e proprio piano energetico nazionale. A questo scopo la Presidenza ha elaborato la nota allegata che servirà come base per i prossimi contatti che verranno presi con l’obiettivo di verificarne la praticabilità e la sostenibilità economica.

La proposta della costituzione del Centro Studi è stata illustrata anche al coordinamento del Comitato “Vota Sì per fermare il nucleare”, che si è riunito giovedi scorso, con la proposta di farla diventare un’iniziativa comune, come del resto è stato proposto per l’iniziativa a sostegno del disegno di legge di iniziativa popolare che abbiamo presentato il 21 dicembre scorso alla Camera dei Deputati.

Alfiero Grandi

NOTA dell’Associazione Sì alle energie rinnovabili No al nucleare

Sì alle energie rinnovabili No al nucleare, Associazione costituita con atto pubblico nel febbraio 2009, ha contribuito al successo del referendum abrogativo sul nucleare del 12/13 giugno scorso e ha lavorato insieme alle altre Associazioni Ambientaliste con le quali ha costituito il Comitato Vota SI per fermare il nucleare.

Sì alle energie rinnovabili No al nucleare ha presentato il 21/12/2010 alla Camera dei Deputati una proposta di legge di iniziativa popolare, con oltre 110.000 firme, denominata Sviluppo dellefficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima. Questa pdl è stata assegnata il 21/1/2011 dal Presidente della Camera – con il n° 3988 – alle Commissioni parlamentari 8° Ambiente e 10° Attività produttive e da allora è in attesa di essere esaminata.

Sì alle energie rinnovabili No al nucleare, dopo lo straordinario risultato del referendum che ha cancellato per la seconda volta il nucleare in Italia, vuole sviluppare uniniziativa per conquistare un futuro fondato sullefficienza, sul risparmio energetico e sulle fonti di energia rinnovabili. Efficienza, risparmio energetico e sviluppo delle energie rinnovabili sono le ragioni costitutive dellAssociazione fin dalla sua nascita.

L’Italia deve dotarsi di una politica energetica compatibile con lambiente, in grado di offrire prospettive di sviluppo della ricerca, degli investimenti e delloccupazione di qualità, come primo passo significativo – in attuazione degli impegni del 20/20/20 presi con lEuropa – per realizzare lobiettivo di superare lattuale sviluppo ad alta concentrazione di energia inquinante, che ha causato la gravissima crisi del clima. Occorre realizzare un nuova politica energetica fondata sulle fonti rinnovabili diffuse nel territorio, più accessibili e controllabili da parte dei cittadini, fino alle possibilità di autogestione. Lobiettivo è un modello di energia pulita e di partecipazione sociale più diretta.

Per questi obiettivi Sì alle energie rinnovabili No al nucleare intende promuovere un Centro Studi, articolabile in sezioni regionali, per avanzare proposte nelle materie energetiche in vista della convocazione di una conferenza nazionale e della predisposizione di un vero e proprio piano energetico per lItalia, ponendo lobiettivo ambizioso, come già ha fatto la Germania, della produzione di energia da fonti rinnovabili all80 % entro il 2050, con la contestuale riduzione del consumo energetico da fonti fossili.

A questa iniziativa sono invitati a partecipare, entrando nella base sociale di sostegno, quanti hanno contribuito al successo del referendum, i settori produttivi impegnati nellefficienza energetica, nel risparmio e nelle energie rinnovabili, le organizzazioni sindacali e sociali, i tecnici, i ricercatori, gli scienziati, i cittadini che a vario titolo intendono contribuire alliniziativa. Il Centro studi deve coniugare proposte legislative con informazione, formazione e crescita del patrimonio culturale e scientifico del paese, con lobiettivo di stimolare ricerca, sperimentazione e nuove tecnologie nelle energie rinnovabili.

Sì alle energie rinnovabili No al nucleare nelle prossime settimane cercherà tutti i contatti per verificare la sostenibilità finanziaria della proposta e le disponibilità da parte di tutte le competenze scientifiche, professionali, sociali che hanno contribuito al successo del referendum. Il Centro studi avrà un comitato di garanti per assicurarne la trasparenza e leccellenza necessarie.

Roma, 2 luglio 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *