Verbale riunione Comitato Energia Felice

La riunione risulta partecipata anche dai territori, nonostante alcune defezioni fossero state preventivamente comunicate per la concomitanza di altre iniziative.

È illustrata la struttura del comitato nazionale “SÌ per fermare il nucleare”, che affianca in autonomia il comitato promotore (IdV). Una struttura di associazioni, persone e movimenti locali che è illustrata in uno degli allegati. Anche il comitato regionale, già costituito con eguale denominazione, si struttura con la stessa composizione ed Energia Felice, dopo la positiva prova della raccolta di firme, aderisce sia a livello lombardo che a livello nazionale.

È esaminata la difficoltà di raggiungere il quorum e a questo obiettivo necessario da raggiungere vengono dimensionate le iniziative. Oltre a tutte le associazioni ambientaliste (Greenpeace, WWF, Italia nostra, Legambiente), ACLI, Auser e FIOM con noi copromotori, saranno coinvolte le forze politiche che si dichiarano sostenitrici del comitato (ad oggi SEL, FdS, Verdi, Ecodem). La CGIL che non aderisce ufficialmente, sostiene la campagna contro la scelta nucleare del governo Berlusconi e la campagna referendaria per l’acqua pubblica, pur mantenendo separati i rispettivi comitati. Ovunque ci saranno iniziative e banchetti si uniranno gli sforzi per il materiale e l’informazione. La conferma viene dal coordinatore regionale per l’acqua Roberto Fumagalli presente alla riunione, che invita a contattare i Comitati provinciali per l’acqua pubblica.

Guardando alla scadenza probabile del 12 giugno indicata da Maroni (anche se ci si batterà per l'”election day”, che significherebbe, oltretutto, un risparmio di circa 350 milioni di euro), un ruolo POLITICO importantissimo, nella linea di quanto sopra esposto, il CEF lo deve avere nel collegare, nei suoi volantini, nei suoi interventi, nelle sue iniziative, all’insegna della “narrazione” dei beni comuni, la propaganda antinucleare con quella per l’acqua pubblica.

Allo scopo è opportuno che nel CEF si individuino, oltre che i referenti territoriali, dei “referenti per il collegamento tematico” con i vari spezzoni di movimento che è necessario coinvolgere attivamente incrociandone contenuti e percorsi. Altro rapporto essenziale è quello da costruire con le forze dell'”economia verde” che si stanno mobilitando contro il taglio degli incentivi alle rinnovabili.

Si confermano le strutture provinciali già attive per la raccolta di firme e si invita ad attivarsi per la ripresa urgente dell’attività anche organizzativa. I comitati territoriali sono sollecitati a prendere iniziativa e a tenere contatti unitari a tutti i livelli.

Un’altra funzione fondamentale del CEF è quella della formazione degli attivisti che può avere uno spazio di riferimento, a scadenza periodica fissa, con i “mercoledi NO NUKE” in via Borsieri 12, Milano (orario ore 18-21). Si tenderà a dare questo appuntamento fisso come punto di orientamento politico-culturale ma anche per la distribuzione del materiale di propaganda.

Si confermano le strutture provinciali già attive per la raccolta di firme e si invita ad attivarsi per la ripresa urgente dell’attività anche organizzativa. I comitati territoriali sono sollecitati a prendere iniziativa e a tenere contatti unitari a tutti i livelli.

Entro la prossima settimana sarà definito il logo e saranno approntati i primi materiali di formazione degli attivisti che sono in preparazione a cura di Agostinelli e Meregalli. Il sito www.energiafelice e la mailing list serviranno da diffusori immediati.

L’alternativa delle rinnovabili deve far parte della campagna per il SÌ e il materiale sarà improntato a sottolineare l’aspetto propositivo. Saranno suggerite soluzioni anche creative (bandiere, manifesti, furgoni circolanti, spot, braccialetti, gadgets) e la propaganda sarà indirizzata anche nelle scuole e nelle università (contatto con Retescuole). I GAS e i DES sono interessati alla campagna.

Si è deciso di spendersi nella campagna delle amministrative per far assumere nei programmi delle forze più sensibili gli obiettivi del comitato e anticipare così una campagna di massa nel caso in cui – come probabile – il Governo boicotti la partecipazione rifiutando l’accorpamento di elezioni e referendum (vedi qui la lista dei comuni che vanno al voto in Lombardia). Nel caso di Milano la candidatura di Pisapia si preannuncia favorevole e si chiederà a lui un incontro in tempi brevi.

Brambilla propone di organizzare il volantinaggio sincronizzato e di collegarsi ai gruppi che reclamano una democrazia diretta per sostenere la partecipazione (link per il volantinaggio e link per la “Settimana della democrazia diretta“).

Le scadenze che richiedono già di preparare la mobilitazione e a cui il comitato sarà presente sono:

• 12 marzo, Milano Largo Cairoli (ore 15-18) – Manifestazione per la Costituzione

• 19 marzo, Manifestazione antinucleare lungo i ponti del Po e convergenza su Caorso.

• 26 marzo, Manifestazione nazionale a Roma per acqua e nucleare

• 27 marzo, Milano Fa’ la cosa giusta! (Fieramilanocity) ore 15.00 – Assemblea regionale comitato “Vota SÌ per fermare il nucleare”

• 26 aprile, 25° anniversario dell’incidente di Chernobyl

Occorre porre e risolvere al più presto la questione del finanziamento e dell’autofinanziamento del comitato regionale e di quelli locali. La prossima riunione sarà dedicata tutta all’operatività. Ve ne daremo comunicazione anticipando la convocazione per mail dalla prossima settimana.

Un abbraccio, Mario Agostinelli e Alfonso Navarra

Milano, 9 marzo 2011

SCARICA IL VERBALE IN PDF (82 KB)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *