Convegno “Il sole del Mediterraneo” a Palermo

DOPO LA VITTORIA DEI REFERENDUM

BENI COMUNI ED ENERGIE RINNOVABILI

PER USCIRE DALLA CRISI

Palermo – 13 ottobre 2011

 

Il convegno affronta tre questioni:

* Nel 2012 scadono gli accordi di Kyoto e non c’è nessuna iniziativa della UE, che pure ne fu promotrice, e neanche a livello No Global, per riconfermare e migliorare quegli accordi che costituirono un primo passo per contrastare il neoliberismo internazionale dominante e avviare la “III Rivoluzione Industriale” capace di salvare l’ambiente e dare nuovo impulso all’economia e all’occupazione.

* In contrasto con i referendum il governo con il “decretone” prevede la privatizzazione della gestione dei beni comuni e tasse per le aziende energetiche che producono energia da fonti rinnovabili o fossili, con atti contro lo sviluppo delle prime (riduzione dei contributi per il fotovoltaico, blocco dell’eolico, nessuno sviluppo delle energie idroelettriche a favore di impianti inquinanti come la centrale a carbone di Porto Tolle e i rigassificatori).

* Il governo Lombardo, basato su una equivoca maggioranza, ha presentato un progetto di Piano Regionale teso a bloccare il promettente avvio dell’energia eolica e, in linea con la tendenza nazionale, ha autorizzato il rigassificatore di Porto Empedocle inutile e dannoso e intende ripetere l’operazione con un altro a Priolo, malgrado la Sicilia sia la testa di ponte dei metanodotti dall’Algeria e dalla Libia. E’ ferma, invece, all’ARS la proposta di legge di iniziativa popolare, approvata da ben 143 consigli comunali, in maggioranza di centro-destra, contro la privatizzazione dell’acqua e per un migliore coordinamento sotto il controllo delle amministrazioni locali.

Presenteremo le linee di una proposta di sviluppo coordinato delle energie rinnovabili e delle risorse idriche pubbliche in Sicilia che faccia perno sulle amministrazioni comunali, sulle aziende agricole, industriali e commerciali e sulle abitazioni private.

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO IN PDF (119 Kb)

I SESSIONE ore 9.30

ALLA SCADENZA DEGLI ACCORDI DI KYOTO QUALE SCENARIO IN EUROPA e IN ITALIA?

Nicola Cipolla – Presidente del CEPES;  Mario Agostinelli – Comitato “No nucleare SI rinnovabili”; Gianni Silvestrini – Dir. Scient. Kyoto Club e Vicepresidente CEPES; Valerio Calzolaio – Forum Amb. Beni Comuni SEL; Maria Campese Resp. Amb. PRC – Assessore Regione Puglia; Rita Borsellino – Parlamentare europea

II SESSIONE ore 10.45

NO AL “DECRETONE” CONTINUARE SULLA BRECCIA DEI REFERENDUM

Corrado Oddi – Funz. Pub. CGIL – Forum Italiano Movimenti per l’Acqua; Mimmo Fontana – Pres. Legambiente Sicilia; Alberto Lucarelli – Assessore Comune di Napoli; Luca Nivarra – Università degli studi di Palermo; Giovanna Marano – Segr. Reg. FIOM – CGIL; Pippo Di Falco – Pres. CIA Agrigento; Anna Bucca – Arci Sicilia; Nadia Spallitta – Cons. Com. di Palermo – SEL

III SESSIONE ore 14.30

ACQUA ED ENERGIA IN SICILIA

Antonella Leto – Funz.Pubb. CGIL – Forum Sic. Mov. per L’Acqua Bene Comune; Mariella Maggio – Segr. Reg. CGIL- Sicilia; On. Giuseppe Apprendi – Dep. ARS – PD; Salvatore Durante – Direttivo CEPES; Tommaso Castronovo – Legambiente Sicilia; Salvino Fiore – Pres. Cons. Prov. Messina; Antonella Monastra – Direttivo CEPES e Cons. Com. di Palermo Altra Storia; Alberto Mangano – Pre. Reg. “Comitato No nucleare SI alle rinnovabili “; On. Giovanni Panepinto – Dep. ARS – PD; Sindaco di Bivona; Alfio La Rosa – CGIL Sicilia Dip. Energia e Amb.; Luciano Burderi – Univ. degli studi di Cagliari; Fausto Torta – Coord. Cittadino IdV Palermo

Conclusioni e approvazione documento

INFO: CEPES – Via Sampolo, 49 – 90143 PALERMO – tel. e fax 091 7308983 – e-mail: cscepes@tiscali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *