Dal Comitato nazionale “Oltreilnucleare”

La raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge “Sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima” è terminata. Il risultato è incoraggiante. La soglia delle 50.000 firme per la presentazione è largamente superata. Il numero esatto delle firme raccolte lo avremo solo tra qualche giorno, ma saranno veramente tante. Un gruppo di “ 4 amici” al bar ha proposto la raccolta delle firme, suggestione che via via ha trovato sostegni importanti, come notiziari on line, comitati locali, organizzazioni di peso come la Cgil e l’Arci, le maggiori organizzazioni ambientaliste, partiti di opposizione.

Grazie a quanti si sono prodigati per raccogliere le firme e grazie soprattutto a quante/i hanno firmato. Ogni volta che è stato chiesto di firmare questa proposta ci sono state reazioni positive e incoraggianti. Con più forze in campo il risultato poteva essere ancora migliore perché la sintonia con le persone è immediata. Questo vuol dire che proporre un’alternativa al nucleare, come fa questa proposta, fondata sul pieno e ordinato sviluppo delle energie rinnovabili viene avvertita come una scelta giusta, necessaria per affrontare la situazione preoccupante del clima ma anche come nucleo di un diverso sviluppo economico, di una politica di nuova e qualificata occupazione.

L’opinione pubblica, per usare un termine generico, può essere favorevole ad un’alternativa di politica energetica e di sviluppo a condizione di conoscerla e di essere messa in grado di sostenerla, ad esempio con la raccolta delle firme. Le organizzazioni debbono (chi più chi meno) definitivamente scuotersi da un certo torpore, dalla errata convinzione che ci sia ben poco da fare in questa situazione e che ci si può accontentare di avere ragione da soli. Proprio ora viene forte la richiesta di una diversa prospettiva credibile e le organizzazioni (tutte) debbono operare con l’ottica di chi vuole cambiare le cose e non si accontenta di una testimonianza. Perfino il tanto vituperato parlamento può recuperare una credibilità, almeno parziale, ove affrontasse problemi veri e anzi le persone firmano proprio per chiedere al parlamento di muoversi e, a questa condizione, gli danno anche credito.

La novità è che le organizzazioni debbono trovare dei punti di sintesi. L’eredità più importante di questi mesi di lavoro comune è la costruzione di una piattaforma di lavoro comune, nella quale ognuno ha lavorato con le sue caratteristiche e la sua capacità di iniziativa. Del resto questo è vero anche per i partiti, in questo caso tutti di opposizione, che hanno deciso una convergenza politica sulla piattaforma rappresentata dalla proposta di legge, che infatti al primo punto propone un programma di politica energetica nazionale, composto con il contributo delle Regioni. Senza questo le singole scelte energetiche risultano difficilmente comprensibili e per di più diventerebbero sovrapposte e molto costose. Ad esempio sommare, come vorrebbe fare il Governo gas e nucleare darebbe un risultato doppio di potenza energetica disponibile, per di più ad un paese che ha già una produzione maggiore della richiesta. E le rinnovabili ? Ci sono legittime accuse, anzitutto dei produttori, verso un Governo che tende a sottovalutare le potenzialità occupazionali e di sviluppo delle rinnovabili e del risparmio energetico che è probabilmente in potenza la maggiore tra le energie rinnovabili. Sommiamo anche queste ? Vogliamo arrivare ad un’eccedenza energetica ?

Del resto l’appello di 200 imprenditori guidati dal vice Presidente di Confindustria Pistorio, oltre che a schierarsi contro la follia del nucleare ha chiarito che non si possono sommare tutti gli investimenti possibili, occorre scegliere. Non ci sono soldi per investire su tutto. Il nucleare è alternativo alle rinnovabili e chi insiste per questa avventura pericolosa per l’ambiente e la salute (con buona pace del prof. Veronesi) dovrebbe anche chiarire come recupererà la differenza di posti di lavoro, visto che il nucleare bene che vada a parità di risultato vale non più del 10% dell’occupazione creata dalle energie rinnovabili.

Questa proposta di legge ha certo l’obiettivo di bloccare il tentativo di tornare al nucleare in Italia ma soprattutto ha quello di mettere ordine nelle scelte degli investimenti, occupazionali, ambientali e di tutela della salute che sono il risultato di un’azione coerente di salvaguardia del clima, almeno per la parte che dipende da noi.

Alfiero Grandi

Comitato nazionale “Oltreilnucleare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *