Tutti gli articoli di mario agostinelli

Rinnovabili, l’impatto della transizione è troppo caro? Cambiare consumi e stili di vita è cruciale

Il rapporto di sintesi NDC della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici dello scorso 26 febbraio afferma che il prossimo decennio, 2020-2030, sarà cruciale per il futuro dell’umanità. In attesa della COP26 di Glasgow nel novembre 2021 sono stati infatti registrati gli obiettivi di stabilizzazione dell’aumento della temperatura media globale cui ciascun Stato avrebbe […]

L'articolo Rinnovabili, l’impatto della transizione è troppo caro? Cambiare consumi e stili di vita è cruciale proviene da Il Fatto Quotidiano.

Condividi

Notizie sparse (alcune curiose e inaspettate) sulla minaccia climatica

All’inizio di gennaio l’alta atmosfera sopra l’Artico si è riscaldata improvvisamente, il che accade circa sei volte in un decennio. Quel riscaldamento ha gradualmente indebolito la corrente a getto sottostante, provocando la fuoriuscita di aria gelida in tutto il Nord America. Il Texas si congelò e ne seguì la tragedia. Alcune prove indicano un legame tra il rapido riscaldamento dell’Artico e le ondate di freddo a sud, ma non tutti sono d’accordo, ed è diventato un po ‘una situazione di stallo. Due cose sono certe: l’inverno è la stagione con il riscaldamento più rapido e il Texas ne ha avvertito le conseguenze. Leggi testo completo

Condividi

Dal Tirreno all’Adriatico: la democrazia del metano

Extraterreste Mario Agostinelli, Alfiero Grandi, Aprile 2021

Seguiamo da tempo la vicenda di Civitavecchia dove l’intera città in tutte le sue articolazioni chiede che la transizione energetica nel suo territorio non passi dal carbone al gas e lo pretende dopo aver costruito in confronti con esperti e ricercatori un progetto alternativo, con eolico e piattaforme fotovoltaiche galleggianti off-shore del tutto analogo a quello che Saipem ha annunciato di realizzare a Ravenna. Ora ci si dovrebbe domandare: perché le istituzioni interessate e coinvolte, dalla Regione al Governo – se si esclude il Consiglio Comunale e il Sindaco della città laziale – tacciono in modo inquietante sulla sponda del Tirreno, mentre su quella adriatica i permessi per impianto eolico e fotovoltaico da 620 MW sono calendarizzati e a portata di approvazione?  Leggi testo completo

Condividi

Una transizione ecologica integrale non ha alternative

di Mario Agostinelli e Alfiero Grandi La prima presentazione del Pnrr italiano fatta dal governo Conte 2 si era sostanzialmente arenata su tre aspetti. Primo, l’uso di parte consistente dei fondi (oltre un terzo) per interventi che avrebbero sostituito finanziamenti già previsti in precedenza dal bilancio dello Stato, diminuendo così l’impatto per il rilancio occupazionale, […]

L'articolo Una transizione ecologica integrale non ha alternative proviene da Il Fatto Quotidiano.

Condividi

Fukushima, dieci anni dopo si rischia di superare i danni di Chernobyl

In occasione dell’anniversario del disastro nucleare di Fukushima, Greenpeace Giappone ha ripreso un’indagine nella quale accusava il governo giapponese di aver violato i diritti umani dei cittadini e in particolare di lavoratori e bambini. Purtroppo, quella che viene considerata la più complessa crisi nucleare dopo Chernobyl (1986) non cessa di allarmare. Stando alle ultime stime, […]

L'articolo Fukushima, dieci anni dopo si rischia di superare i danni di Chernobyl proviene da Il Fatto Quotidiano.

Condividi