Notizie sparse (alcune curiose e inaspettate) sulla minaccia climatica

All’inizio di gennaio l’alta atmosfera sopra l’Artico si è riscaldata improvvisamente, il che accade circa sei volte in un decennio. Quel riscaldamento ha gradualmente indebolito la corrente a getto sottostante, provocando la fuoriuscita di aria gelida in tutto il Nord America. Il Texas si congelò e ne seguì la tragedia. Alcune prove indicano un legame tra il rapido riscaldamento dell’Artico e le ondate di freddo a sud, ma non tutti sono d’accordo, ed è diventato un po ‘una situazione di stallo. Due cose sono certe: l’inverno è la stagione con il riscaldamento più rapido e il Texas ne ha avvertito le conseguenze.

Gli scienziati sono molto più chiari sul ruolo dell’umanità in eventi meteorologici estremi più comuni. Circa 40.000 persone hanno evacuato le loro case nel Nuovo Galles del Sud a marzo dopo piogge bibliche. Gli aspetti del clima australiano rendono più complicata l’analisi dell’influenza del clima di qualsiasi evento di precipitazione, ma un nuovo lavoro afferma che più gas serra significa più calore, un’atmosfera più umida e precipitazioni più estreme. Non si tratta solo di più o meno precipitazioni: i tempi delle stagioni stanno cambiando quasi ovunque, con la stagione delle piogge della California che ora inizia un mese dopo rispetto a 60 anni fa.

Il riscaldamento globale ha anche rallentato la Corrente del Golfo, il vasto sistema di circolazione atlantica che influenza direttamente il clima in Africa, nelle Americhe e in Europa, al suo livello più basso in 1.000 anni. Questa decelerazione è uno sviluppo a lungo previsto e da tempo temuto, e gli scienziati affermano che una migliore comprensione di esso “è urgentemente necessaria”.

Mantenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 ° C sembra un’idea sempre migliore, anche se diventa sempre più difficile da ottenere. Con il calore arriva più umidità, una potente combinazione che può spingere un corpo umano al suo punto di rottura. Fermare il cambiamento climatico al di sotto dei 2 ° C ridurrebbe drasticamente il rischio per le persone ai tropici di condizioni che spingono il corpo oltre “il limite di sopravvivenza”.

Un quarto dell’inquinamento di CO₂ che emettiamo ogni anno si riversa nell’oceano e una parte cade a terra come sedimento, dove rimane al sicuro lontano dall’atmosfera per millenni. Tranne quando i pescherecci da traino industriali percorrono oltre l’1,3% del fondo oceanico ogni anno, rilasciando fino al 20% della CO₂ atmosferica che gli oceani assorbono ogni anno. 

C ‘è tuttavia una buona notizia: secondo un nuovo studio, la creazione di aree marine protette contribuirebbe a contenere questo carbonio, migliorando nel contempo sia la pesca che la vita marina. Gli autori fanno parte della Oregon State University, che da allora ha assunto la posizione di consigliere di scienza del clima di più alto rango della Casa Bianca.

Come i sedimenti marini, il suolo è un posto fantastico per nascondere il carbonio dall’atmosfera. Dovrebbe comportarsi come un amplificatore: le piante assorbono CO₂ e quando perdono foglie o muoiono, il carbonio immagazzinato diventa parte del suolo. Questo processo è ora messo in discussione dalla ricerca che suggerisce che quando le piante assorbono i nutrienti del suolo, i microbi si svegliano e si nutrono, con il loro metabolismo che rilascia nell’atmosfera la CO₂ immagazzinata. Più piante crescono, meno il suolo assorbe. La scoperta potrebbe richiedere modifiche a modelli importanti.

C’è uno svantaggio nell’inizio della primavera e nel tardo inverno: più tempo per le piante per eliminare gli allergeni. La stagione delle allergie è di 20 giorni più lunga di quanto non fosse in Nord America, con concentrazioni di polline che crescono del 21%. Nel frattempo, dall’altra parte dell’oceano, gli scienziati che cercano di fornire agli europei strumenti migliori per prepararsi alle allergie hanno scoperto che la gravità stagionale potrebbe aumentare di un ulteriore 60% nei decenni a venire. 

In qualche modo ci sono ancora buone notizie: l’adozione di energie rinnovabili e veicoli elettrici, l’introspezione dell’industria petrolifera, persino pesche più dolci (lo stress da siccità aumenta la produzione di zucchero). Con uno sforzo prolungato, potremmo vedere migliorare le misure più importanti della salute planetaria. Le emissioni globali di CO₂ dall’energia sono aumentate dello 0,9% all’anno dal 2010-18, meno di un terzo della crescita annuale nel decennio precedente. L’anno della pandemia ha abbattuto le emissioni annuali di CO₂ di un 7% storico, ma i motori economici sono ripartiti e le emissioni di dicembre 2020 erano già più alte dello stesso mese del 2019. Si aggiunge: lo scorso anno il 2016 è stato considerato l’anno più caldo mai registrato, e i sette anni più caldi negli ultimi 141 si sono verificati tutti dal 2014.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.