Eni per il gas, Enel per l’elettrico: i due enti energetici non potrebbero essere più distanti

In due giorni successivi sono uscite due comunicazioni su giornali nazionali che non potrebbero essere meglio rappresentative di un conflitto che finalmente giunge fino ai piani alti dei decisori e che ha al centro il mantenimento o l’esclusione del gas come risorsa strategica nella transizione. Da una parte (7 luglio) una banale esposizione di un […]

L'articolo Eni per il gas, Enel per l’elettrico: i due enti energetici non potrebbero essere più distanti proviene da Il Fatto Quotidiano.

Transizione energetica, ripartiamo da Civitavecchia o dai bilanci delle multinazionali?

È impressionante la rincorsa di Eni, Enel, Edison e A2A a tappare con impianti di combustione a metano tutti i buchi lasciati liberi dall’evanescenza e dalle ambiguità della programmazione energetica del Pnrr italiano, a conferma delle deficienze già riscontrate nel Pniec (Piano nazionale integrato per l’energia e il clima). Tuttavia, mentre nel caso del piano […]

L'articolo Transizione energetica, ripartiamo da Civitavecchia o dai bilanci delle multinazionali? proviene da Il Fatto Quotidiano.

Intervista Mario Agostinelli a Vatican News

 VATICAN NEWS

https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2021-06/caldo-record-in-canada-g20-neutralita-climatica-entro-2050.html

Agostinelli (Associazione Laudato Sì): poveri più colpiti dai cambiamenti climatici

“Il Papa lo dice chiaramente nell’Enciclica Laudato sì , questi cambiamenti non riguardano solo l’uomo ma tutta la biosfera, al punto tale da mettere in discussione la vita; non si pensa che una variazione di due gradi può essere letale e i luoghi dove si abbatte maggiormente questo fenomeno sono quelli affollati di poveri”, spiega a VaticanNews  Mario Agostinelli, presidente dell’Associazione ‘Laudato Sì – un’alleanza per il clima, la terra e la giustizia sociale’, con sede a Milano presso la Casa della Carità. Leggi testo completo

Acqua, nucleare, beni comuni – Indietro non si torna

A DIECI ANNI dalla grande vittoria del REFERENDUM dobbiamo continuare a lottare per dire no alla mercificazione della vita, per respingere le mani delle multinazionali che puntano al profitto. VOGLIAMO un Recovery plan diverso, fondato sui diritti, sul rispetto degli equilibri naturali, con una transizione ecologica vera che garantisca il nostro futuro insieme a quello di tutti i viventi. Leggi testo completo

Transizione ecologica: la gestione del ministro Cingolani non appare convincente

Roberto Cingolani ogni giorno descrive la sua missione con varie suggestioni (“fusione nucleare, idrogeno verde, impresa ciclopica”) ma con al fondo un tratto ben distinguibile e non accettabile. Il ministro non interviene nelle scelte con la drammaticità imposta dall’urgenza della crisi climatica: al contrario, confida in una chiave esclusivamente tecnologica per affrontare la “compromissione della […]

L'articolo Transizione ecologica: la gestione del ministro Cingolani non appare convincente proviene da Il Fatto Quotidiano.